Migliora la qualità del tuo dossier REACH ora; non aspettare e previeni i controlli di conformità dell’ECHA o la valutazione della sostanza degli Stati membri.

L’ECHA ha pubblicato l’elenco delle sostanze registrate REACH, raggruppate secondo le azioni normative in atto. I cinque gruppi sono:

  1. Gestione dei rischi regolatori in corso: sostanze con rischi confermati per la salute umana e l’ambiente.
  2. Gestione del rischio regolamentare in esame: sostanze attualmente in esame per la gestione del rischio regolamentare.
  3. Generazione di dati: sostanze che richiedono informazioni aggiuntive per concludere se sono necessarie ulteriori azioni normative.
  4. Attualmente non sono proposte ulteriori azioni: sostanze per le quali le autorità non hanno attualmente proposto ulteriori azioni normative.
  5. Non ancora assegnato: sostanze attualmente registrate ai sensi del REACH ma non ancora assegnate a nessuno degli altri gruppi.

Come afferma Jack de Bruijn, direttore per la definizione delle priorità e l’integrazione: “L’assegnazione a un gruppo non è permanente – le sostanze passeranno da un gruppo all’altro, nel tempo, quando nuove informazioni saranno disponibili o le priorità cambieranno”.

L’ECHA ha un piano d’azione congiunto con la Commissione Europea per migliorare la conformità delle registrazioni e garantire un contenuto adeguato per stabilire un uso sicuro delle sostanze. Le diverse fasi del piano d’azione comune sono:

  • Entro la fine del 2020, l’ECHA concluderà se le sostanze registrate in fasce di tonnellaggio elevato sono una priorità per la gestione del rischio, o se attualmente hanno una bassa priorità per ulteriori azioni e se necessitano di più dati (candidati per il controllo di conformità)
  • Entro il 2023, l’ECHA avrà esaminato tutte le registrazioni nelle fasce di tonnellaggio di oltre 100 tonnellate / anno
  • Nel 2027, l’ECHA avrà verificato tutte le sostanze registrate entro la scadenza del 2018, indipendentemente dal tonnellaggio.

Mantenere aggiornato il fascicolo è un obbligo legale per tutti i registranti. Nel suo documento (V1-26 giugno 2019), CEFIC sollecita la revisione e il miglioramento delle sostanze registrate.
Nello specifico, nel documento, si richiede alle aziende di prendere in considerazione i seguenti principi guida per stabilire le priorità del proprio lavoro nel contesto di questo piano d’azione (nessun ordine prioritario in questo elenco):

  • Sostanze per le quali la società agisce come lead registrant o come individual registrant;
  • Dossier di registrazione dalle scadenze delle registrazioni del 2010 e del 2013 (ossia più di 100 e 1000 tonnellate / anno, rispettivamente, e i CMR autoclassificati);
  • Dossier di registrazione a partire dalla scadenza del 2018 (ossia più di 1 e 10 t / a), che possono essere raggruppati con sostanze di volume maggiore;
  • Sostanze che sono (potenzialmente) pericolose per la salute umana o l’ambiente, in particolare i potenziali CMR o PBT / vPvB;
  • Sostanze con (potenziali) ampi usi dispersivi; in particolare usi al consumatore e professionali;
  • Registrazioni complete (esclusi intermedi);
  • Dossier REACH in cui vengono utilizzati read-across o categorie di sostanze;
  • Sostanze in cui sono stati applicati adattamenti ai requisiti di prova standard per endpoint di salute umana e ambientali di livello superiore, ad es. read-across, waiving basato sull’esposizione, adattamento secondo colonna 2 degli allegati REACH, ecc.

In particolare, è molto importante che le aziende controllino la fascia di tonnellaggio dei dossier di registrazione e la qualità delle giustificazioni per i waiving dei test molto impegnativi. Il rischio è che le aziende ricevano la richiesta di eseguire nuovi test non necessari e che avrebbero potuto essere evitati con un rapido aggiornamento del dossier di registrazione REACH.

Hai bisogno di una strategia per migliorare la qualità del tuo fascicolo? TEAM Mastery S.r.l. può aiutarti a raggiungere questo obiettivo.

Fonte: ECHA